Blog

BLOG

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

TikTok, gli Usa minacciano di bloccarlo

Mike Pompeo, durante un’intervista a Fox News, ha sottolineato come il governo americano stia seriamente prendendo in considerazione la possibilità di bloccare TikTok
TikTok

Il governo americano potrebbe impedire l’accesso al social cinese TikTok. Sembrerebbe, infatti, che il suo utilizzo possa minacciare la sicurezza nazionale.

Pompeo a Fox News

“Il Governo degli Stati Uniti d’America sta prendendo in considerazione l’ipotesi di bloccare l’utilizzo di TikTok su tutto il territorio nazionale: scaricando l’app si consegnano informazioni private nelle mani del Partito comunista cinese”. Dichiarazioni che faranno sicuramente discutete, quelle del segretario di Stato Usa Mike Pompeo durante un’intervista a Fox News, e pongono degli interrogativi pesanti sul futuro del social cinese nel momento di maggior ascesa.

L’Amministrazione americana punta il dito contro ByteDance, la società cinese che possiede la popolare app, accusata da più parti di fornire le informazioni private raccolte tramite TikTok al Partito comunista cinese.

TikTok risponde

La replica dei vertici di TikTok, però, eè arrivata puntuale e attraverso un portavoce, la società cinese ha dichiarato di “essere guidata da un Ceo americano, Kevin Mayer (ex Disney, ndr), e poter contare su centinaia di dipendenti statunitensi. La nostra unica priorità – continua il comunicato – è creare un ambiente sicuro per tutti i nostri utenti. Non abbiamo mai fornito dati al governo cinese e non abbiamo intenzione di farlo in futuro”. Parole che cercano di fermare il polverone alzato dalle accuse scagliate dalle dichiarazioni di Mike Pompeo.

L’India è già passata all’azione

Se per gli USA, al momento, possiamo solo parlare delle dichiarazioni di Pompeo, in India dobbiamo invece registrare una vera e propria presa di posizione che ha lasciato poco spazio al “botta e risposta”. Il social cinese è stato da poco bannato dopo lo scontro politico con Pechino, e ci si sta già concentrando sulle alternative. Come Roposo, ad esempio. Un’app indiana del tutto simile a TikTok, nata nel 2014, i cui numeri stanno continuando a crescere: al momento conta una base utenti di ben 22 milioni.

È ancora presto per capire il futuro di TikTok negli USA e i possibili scenari che ne conseguiranno, per esempio, in Europa. Ma tutto questo clamore, nel frattempo, rischia di minare una crescita (di numeri e di fatturato) che dal 2019 è parsa inarrestabile.

STAY IN TOUCH

Scrivici sui social, chiamaci al telefono, ma soprattutto vienici a trovare. Abbiamo caffè e tante idee.

CONTATTI

  • Via Cassano D'Adda 27/1
    20139 Milano
  • (+39) 02 3707 1487
  • info@dnagency.it

© Copyright 2019 - DN Agency S.r.l.

P.IVA 10439190967 - R.E.A. MI-2531462 - Capitale Sociale € 10.000 i.v.